Cosa Vedere

Duomo di Orvieto e la Cappella di San Brizio

Duomo di Orvieto e la Cappella di San Brizio

Luca Signorelli è sicuramente uno degli esponenti di punta del Rinascimento Italiano. Il pittore è originario di Cortona, ma ha lavorato in Umbria a lungo lasciando delle preziose testimonianze nella zona dell'Alta Valle del Tevere contenute nella Pinacoteca di città di Castello e nella Galleria Nazionale di Perugia.

Ma vogliamo farti fare una passeggiata all'interno del Duomo di Orvieto dove il pittore toscano ha dipinto un'opera di grande maestria: la Cappella Nova o di San Brizio. Nel 1499 Luca Signorelli firmò il contratto per il completamento della decorazione delle volte della Cappella Nova. Precedentemente si era cimentato nella pittura della cappella il Beato Angelico. Luca Signorelli ribalta l'approccio precedentemente usato, dall'impronta tipicamente medievale: il pittore di Cortona pone alla base della sua composizione, e della rete di pennellate, l'osservatore, riuscendo ad offrirgli una bellissima visione d'insieme. Un elemento che non potrai fare a meno di notare è la composizione illusionistico-prospettica delle pareti che trasforma la cappella da un edificio gotico in uno spazio rinascimentale; l'artista infatti arretra illusoriamente di due metri, rendendo l'edificio tanto alto quanto largo.

In alto, intorno a te, le scene del Giudizio Universale e dell'Anticristo: osservale bene, si tratta di uno dei dipinti più conosciuti del Rinascimento Italiano.

tratto da: www.umbriatourism.it

Se vuoi prenotare una visita guidata di Orvieto clicca qui

Indietro